Crisi Ucraina - Russia

 
Confindustria Trento a supporto delle imprese.
Iniziative di solidarietà.
Tutti gli aggiornamenti.
Lo Scenario.
Contattaci.

Confindustria Trento a supporto delle imprese:

In seguito al precipitare della crisi in atto in Ucraina, Confindustria Trento ha attivato un gruppo di lavoro interno per informare le imprese sull’evolversi della situazione, con particolare riferimento alle sanzioni economiche imposte alla Russia e ai possibili impatti nei rapporti commerciali tra imprese.

Alle aziende associate che operano con Ucraina, Russia e Bielorussia è garantito un servizio di assistenza specifico, anche grazie al dialogo con Confindustria Ucraina che, insieme con l'Ambasciata d'Italia a Kiev, ha istituito uno specifico Emergency Help Desk in loco.

Le imprese che necessitano di supporto diretto sono invitate a contattare l’Area Internazionalizzazione dell’Associazione, scrivendo a n.andreini@confindustria.tn.it .


Iniziative di solidarietà

Sul fronte dell’accoglienza, sono già numerose le aziende che hanno offerto soluzioni e strutture per l’ospitalità dei primi profughi in arrivo. Come Associazione, stiamo cercando di fare il punto sulle disponibilità, per indirizzarle ai soggetti che si occupano di accoglienza e favorire un’azione coordinata e di sistema. A sostegno della popolazione ucraina coinvolta dal conflitto armato con la Russia, segnaliamo inoltre alcune iniziative di solidarietà attivate da realtà appartenenti al territorio trentino, e in particolare:
- Provincia Autonoma di Trento: https://bit.ly/3Ja6feh
- Diocesi di Trento: https://bit.ly/3C5g2jM


Tutti gli aggiornamenti:

 

06/10 - L'UE ha emanato un ulteriore pacchetto di sanzioni nei confronti della Russia

Si informano le imprese associate che il 6 ottobre 2022 l’Unione europea ha adottato 4 Regolamenti qui allegati che introducono ulteriori misure restrittive nei confronti della Russia e apportano modifiche alle restrizioni già vigenti.

La scheda riassuntiva e tutti dettagli sono presenti in allegato:


25/07 - Aggiornamento n. 16 | Settimo pacchetto di sanzioni UE nei confronti della Russia

L'Unione Europea ha adottato ulteriori misure restrittive nei confronti della Russia, attraverso l'adozione di un settimo pacchetto di sanzioni, denominato di "manutenzione e allineamento" per rafforzare l’attuazione di quelle già in vigore, prevenirne l’elusione ed estenderne la portata.

La scheda riassuntiva e tutti dettagli sono presenti in allegato:


04/06 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 15

Si informano le imprese associate che il Consiglio Europeo ha adottato il 3 giugno scorso il sesto pacchetto sanzionatorio nei confronti della Russia.

La gestazione delle nuove contromisure è stata lunga e controversa a causa delle divergenti posizioni assunte dai Paesi membri rispetto ad uno stop rapido e completo all’importazione del petrolio russo.

Tutti i dettagli sono disponibili in allegato:


11/04 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 14

Relativamente al quinto pacchetto di sanzioni deciso dall’Unione Europea contro Russia e Bielorussia si riscontra come il regime sanzionatorio si inasprisce ulteriormente colpendo per la prima vota le importazioni dalla Russia di materie prime energetiche (carbone), vietando le attività degli autotrasportatori russi e bielorussi e l’accesso ai porti di navi battenti bandiera russa, nonché l’accesso e la prosecuzione da parte di operatori russi di attività collegate agli appalti pubblici europei.

Tutti gli ulteriori dettagli sono disponibili in allegato:


31/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 13

Si notifica che l'Agenzia italiana delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato un avviso (allegato 1), con cui fornisce alcuni chiarimenti relativi al divieto di esportazione di beni di lusso verso la Russia. Tali chiarimenti sono a loro volta contenuti in un documento di FAQ pubblicate sul sito dell'Unione Europea (allegato 2).


16/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 12

Si informa che l'Unione Europea ha imposto nuove misure restrittive nei confronti della Russia tra cui: un divieto di esportazione dall'UE di taluni beni di lusso, e un divieto di importazione di alcuni prodotti siderurgici. 

Tutti i dettagli:


15/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 11

A seguito del vertice di Versailles di sabato 12 marzo, sono state decise ulteriori misure restrittive, sia soggettive (designazioni di entità e individui) sia commerciali, queste ultime, in particolare, incideranno su alcune categorie di beni di lusso.

Tutti i dettagli:


14/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 10

Si informa che il 9 marzo 2022 l'Unione Europea ha imposto ulteriori sanzioni nei confronti di Russia e Bielorussia, oltre ad aver aggiornato alcune misure già in vigore. 

Tutti i dettagli:


09/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 9

In considerazione delle recenti misure restrittive adottate dall'Unione Europea nei confronti della Russia e della Bielorussia, l'autorità nazionale UAMA ha comunicato che sono sospese tutte le licenze rilasciate per beni a duplice uso verso questi Paesi. 

Tutti i dettagli:


08/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 8

Ad integrazioni delle comunicazioni precedenti si riporta un nota di sintesi che prende in considerazione i più recenti sviluppi che hanno visto la Federazione Russa varare una serie di contromisure economiche.

Di seguito tutti i dettagli:


07/03 -Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 7

L’Unione Europea, in considerazione del coinvolgimento nell'aggressione militare da parte della Russia nei confronti dell'Ucraina, ha inasprito le misure restrittive nei confronti della Bielorussia.

Di seguito tutti i dettagli:


03/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 6

Ad integrazioni delle comunicazioni precedenti si riporta un breve aggiornamento relativo al quarto pacchetto di misure adottate dall’Unione Europea nei confronti della Federazione Russa, a seguito dell’invasione perpetrata ai danni dell’Ucraina.

Di seguito tutti i dettagli:


01/03 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 5

Ad integrazione delle comunicazioni precedenti riportiamo la nota di aggiornamento elaborata da Confindustria relativa al terzo pacchetto di misure adottate dall’Unione Europea, riguardanti la chiusura dello spazio aereo ai vettori russi e interdizioni finanziarie alla Banca Centrale Russa.

Di seguito tutti i dettagli:


28/02 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 4

Ad integrazione delle comunicazioni precedenti, si comunicano due Note di aggiornamento elaborate da Confindustria relative alle recenti misure adottate dall’UE in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

Tutti i dettagli presenti negli allegati di seguito:


25/02 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 3

Ad integrazione delle circolari precedenti, informiamo le imprese associate che il 23 febbraio u.s. l'Unione Europea ha adottato 9 provvedimenti (pubblicati su Gazzetta Ufficiale UE, allegata) che hanno definito le prime misure restrittive in risposta alle prime avvisaglie della crisi in Ucraina.

Maggiori dettagli negli allegati


24/02 - Crisi Ucraina-Russia aggiornamento n. 2

In risposta alla minaccia all’integrità territoriale dell’Ucraina avvenuta con il riconoscimento da parte della Russia delle autoproclamatesi Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugansk, Stati Uniti, Unione europea e Regno Unito hanno approvato i primi pacchetti di sanzioni, ai quali dovrebbero aggiungersi quelli di altri Paesi, come Canada, Australia e Giappone.

Lo scenario, tuttavia, è in rapida evoluzione. Sarà cura dell’Associazione tenere prontamente informate le imprese associate sugli sviluppi della crisi e sulle sanzioni che ne deriveranno.

Segue la nota dettagliata di Confindustria


23/02 - Crisi Ucraina-Russia

Si informano le imprese associate che, a seguito della recente escalation militare russa e del riconoscimento unilaterale, da parte del Presidente Putin, dell'indipendenza delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, gli Stati Uniti hanno varato un primo pacchetto di misure che proibisce ai soggetti statunitensi di effettuare investimenti e di operare commercialmente e finanziariamente nei suddetti territori separatisti di Donetsk e Lugansk.

Maggiorni dettagli nell'allegato


Lo Scenario:

Nel mese di febbraio 2022 si è assistito ad una rapida escalation nei rapporti diplomatici in relazione al conflitto noto come “guerra del Donbass” iniziato nel 2014. Il 21 febbraio scorso il Presidente russo Vladimir Putin ha ufficialmente riconosciuto due repubbliche separatiste autoproclamatesi nella primavera del 2014 nella regione: la Repubblica Popolare di Lugansk e la Repubblica Popolare di Donetsk. Successivamente, il 24 febbraio, la Russia ha avviato operazioni militari nel territorio ucraino, dando il via ad un conflitto dagli esiti incerti. 
 
Unione europea, Regno Unito e Stati Uniti hanno risposto prima al riconoscimento da parte della Russia delle due repubbliche e poi all’invasione sul campo approvando i primi pacchetti di sanzioni. Il 21 febbraio gli Stati Uniti hanno adottato una prima tranche di misure sanzionatorie, a cui il 23 febbraio hanno fatto seguito i primi pacchetti varati da UE e Gran Bretagna.
 
La UE ha adottato formalmente il 25 febbraio una seconda tranche di misure, rafforzative delle prime. Queste entrano in vigore dopo la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale Ue.
Un terzo pacchetti di sanzioni e misure è stato adottato dall’Unione europea il 28 febbraio.


Per ulteriori informazioni:

📧 n.andreini@confindustria.tn.it
📞 0461 360007