• Media
  • Notizie
  • Eureka! Funziona! Confindustria Trento sfida i piccoli inventori - Pneumatica & Attuatori
01/01/2017

Eureka! Funziona! Confindustria Trento sfida i piccoli inventori 2017

I piccoli inventori

Il tema: Pneumatica & Attuatori


“Eureka! Funziona!”: premiati i piccoli inventori delle scuole elementari


Sei Istituti Comprensivi, 18 classi, 300 allievi: questi i numeri della prima edizione in Trentino di “Eureka! Funziona!”, iniziativa promossa da Confindustria Trento in collaborazione con Federmeccanica, che l'ha lanciata ispirandosi a un’esperienza in essere in Finlandia dal 2003, e con il patrocinio del MIUR. 

I vincitori sono: per la categoria delle quarte elementari l'istituto comprensivo di Cavalese-Castello di Fiemme con il progetto "Sottomarino" e per le quinte l'istituto comprensivo di Levico Terme con "Rainbow wheel".

Ai bambini era stato chiesto, a inizio anno, di costruire in team, utilizzando il kit consegnato, un giocattolo in grado di muoversi. Il tema - sviluppato in collaborazione con l’Istituto Italiano di Tecnologia - era “Pneumatica & Attuatori”. Le classi coinvolte (degli Istituti Comprensivi di Borgo Valsugana, Cavalese-Castello di Fiemme, del “B. Clesio” di Cles, di Levico Terme, del Trento 7 di Meano e di Isera-Rovereto) si sono avvalse anche del tutoraggio dei titolari e manager di sei aziende della sezione metalmeccanica di Confindustria Trento: Adige Spa, Dalmec Spa, Fly Spa, Gunnebo Entrance Control Spa, Larentis Lorenz Srl, Mahle Componenti Motori Italia Spa.

I lavori realizzati dai 14 team di alunni che nei mesi scorsi hanno ottenuto i risultati migliori sono stati valutati questa mattina nell'aula magna dell'Istituto Tecnico Tecnologico "Buonarroti-Pozzo" di Trento, dalle due giurie chiamate a giudicare l'operato dei concorrenti delle classi quarte e quinte elementari coinvolte. 

"Un progetto che ci è subito piaciuto - ha spiegato Luca Arighi, presidente della Sezione metalmeccanica di Confindustria Trento - perché stimola la creatività dei bambini, ma richiede anche concretezza, dal momento che i giocattoli realizzati devono funzionare. In questo modo, attraverso il gioco, facciamo capire ai bambini che cosa significhi unire fantasia e competenze tecniche. E' esattamente quello che accade nelle aziende quando si fa ricerca e innovazione".
"Siete il nostro futuro - ha aggiunto il direttore generale di Confindustria Trento, Roberto Busato - e su di voi vogliamo puntare. Se saprete mantenere vive la vostra curiosità e la vostra fantasia potrete ottenere grandi risultati a scuola e nella vita".
Per Federmeccanica ha portato un saluto Matteo Monetti, che ha spiegato il senso del progetto.

Alla scuola del team vincitore della categoria quarte classi è stato consegnato un buono per l'acquisto di libri, mentre agli studenti sarà data la possibilità di visitare una centrale di Dolomiti Energia. La quinta classe vincitrice, oltre al buono, avrà diritto a prendere parte all’evento nazionale del progetto, in programma a Milano, presso l’Università IULM, il prossimo 26 maggio.